CHIRURGIA ORALE

La chirurgia orale (o chirurgia odontostomatologica) si occupa di estrazioni di denti erotti, residui radicolari, denti inclusi o semi-inclusi nelle ossa mascellari; di apicectomie, ovvero asportazioni dell’apice di denti coinvolti in processi flogistici; di asportazione di cisti e tumori del cavo orale; di chirurgia preprotesica come i rialzi di seno, cioè elevazioni del pavimento del seno mascellare mediante innesti di osso o biomateriali o la chirurgia ricostruttiva ossea.

Chirurgia dei denti da Arena e Calvino a Cagliari

Denti del giudizio inclusi

  • L’inclusione dentale rappresenta un quadro clinico di frequente riscontro in chirurgia orale e i denti del giudizio sono gli elementi dentali più spesso coinvolti nel processo. Questi possono rimanere inclusi per numerosi motivi, ma spesso la causa principale è la mancanza di spazio.

  • I denti del giudizio inclusi possono portare a problematiche infettive, quadri di malattia parodontale a carico dei denti vicini, carie dentale, riassorbimenti radicolari o alla formazione di lesioni cistiche. E’ quindi fondamentale una visita dello specialista in chirurgia orale per accertare l’assenza di queste problematiche ed intervenire chirurgicamente per estrarre il dente del giudizio, qualora ci sia il rischio o la presenza di queste patologie.

L'estrazione dei denti

  • L’estrazione dei denti del giudizio inferiori richiede una attenta valutazione clinica e radiografica ed una elevata esperienza clinica per la frequente vicinanza delle radici di questi denti con il nervo alveolare inferiore, il nervo che distribuisce la sensibilità nella regione della mandibola ed del labbro inferiore.

Sedazione cosciente e anestesista

  • L’intervento di chirurgia orale si esegue in presenza di un anestesista con somministrazione di anestesia locale, in regime ambulatoriale.

  • L'intervento ha una durata di circa 30 minuti ed un decorso post-operatorio estremamente favorevole, gravato solitamente da alcuni giorni di leggero gonfiore.